Nei giorni scorsi la Società “Sport e Salute Spa” ha continuato ad erogare le indennità dei cosiddetti bonus 800 euro per i soggetti aventi diritto. Ad oggi, sono stati erogati complessivamente 661.484 indennità, per un valore complessivo di oltre 545 milioni di euro.

È quanto reso noto dalla stessa società, attraverso un comunicato stampa del 10 gennaio 2021.

Con riferimento alle domande presentate nel mese di novembre e di dicembre, la Società continuerà gli approfondimenti istruttori, questa volta con tempistiche forse più lunghe. In questi mesi, infatti, si è registrato un flusso di domande anomalo, la maggior parte delle quali fa riferimento a soggetti che nel 2019 non avevano alcun reddito sportivo.

Le indennità, spiega Sport e Salute, sono state erogate tempestivamente ai collaboratori che hanno prodotto la documentazione necessaria oppure che hanno avuto bisogno di un minimo soccorso istruttorio. Hanno inoltre ricevuto l’indennità, con il tempo necessario a risolvere le carenze della loro domanda, tutti i collaboratori che avevano:

  • Prodotto documentazione insufficiente;
  • Cambiato l’IBAN o l’indirizzo e-mail dopo la presentazione della domanda;
  • Reso dichiarazioni erronee.

Tra questi ultimi è stato risolto il problema causato da quei soggetti che avevano dichiarato un ammontare dei redditi diverso da quello risultante nei registri dell’Agenzia delle Entrate.

Bonus 800 euro di dicembre, flusso di domande anomalo

Con riferimento alle domande presentate nel mese di novembre e dicembre, la Società, con il comunicato sopra citato, spiega che i relativi approfondimenti istruttori potrebbero andare per le lunghe.

Nei mesi scorsi, la Guardia di Finanza avrebbe chiesto a Sport e Salute la documentazione relativa alle domande di novembre. Sotto la lente di ingrandimento vi sarebbero le nuove domande per il bonus di novembre.

Per le fiamme gialle, le richieste di questa indennità sarebbero state troppe (oltre 50 mila), la maggior parte delle quali avanzate da persone che non avrebbero mai lavorato in ambito sportivo.

FONTE: Sport e Salute

A cura di
Redazione

Commenta con Facebook