La labirintite è un processo infiammatorio dell’orecchio interno (labirinto), organo che serve al senso dell’equilibrio e a quello dell’udito. Qui ci sono, infatti, i canali semicircolari, disposti su 3 piani perpendicolari, uno orizzontale e due verticali. Al loro interno si trova l’endolinfa, un liquido che si muove nei canali in concomitanza con gli spostamenti del capo, anche minimi. A seconda dei movimenti, il liquido stimola più o meno le ciglia di migliaia di cellule, le quali generano così impulsi che vengono trasmessi al cervello. Quest’ultimo elabora gli impulsi, ne ricava le sensazioni relative allo spazio che ci circonda e alla posizione del corpo rispetto a esso e comunica ai muscoli gli ordini necessari a tenerlo in equilibrio. Per questo la labirintite comporta disturbi dell’equilibrio.

La labirintite può insorgere sia per cause patologiche, per esempio un’otite acuta degenerata o un’infezione da virus che dal naso o dalla gola si diffondono lungo la tromba di Eustachio, sia traumatiche (per esempio, la frattura della base cranica). Può manifestarsi in forma acuta o cronica, con conseguenze gravi quali la sordità e forti vertigini.

FONTE: Focus

A cura di
Redazione

Commenta con Facebook