Si fanno passi avanti significativi per quanto riguarda l’educazione motoria alla scuola primaria da affidare ad un docente specializzato. Ieri, 5 Ottobre, la Sottosegretaria allo Sport Valentina Vezzali in audizione alla Camera dei Deputati presso la IV e VII commissione, ha parlato della figura del Docente di Scienze Motorie nella Scuola Primaria.

“L’Educazione Motoria e Sportiva è un esigenza che va garantita sin dalla Scuola Primaria con l’inserimento del Docente di Scienze Motorie”.

Di seguito le parole dell’intervento della Sottosegretaria: “i gruppi sportivi dello Stato sono promotori di valori civici e morali nonché di valori identitari delle Amministrazioni in cui sono incardinati, tra i quali il rispetto delle regole. Questi svolgono la funzione sociale sia attraverso un’ampia serie di iniziative, progetti e di eventi di carattere benefico o di promozione valoriale, sia attraverso le sezioni giovanili avviate nel Territorio Nazionale che esaltano la funzione pedagogica e come elemento strutturale della pratica sportiva. L’offerta sportiva e formativa resa dalle sezioni giovanili integra quella che dovrebbe avere inizio dalla Scuola Primaria dove, mi auguro, a breve, di poter garantire l’inserimento della figura dell’Insegnante di Scienze Motorie.”

L’attività sportiva è una straordinaria agenzia valoriale e soprattutto è il veicolo attraverso cui trasmettere determinati insegnamenti. Lo sport è il luogo dove i bambini sperimentano e imparano valori importanti quali ad esempio il rispetto. Dobbiamo lavorare affinché lo sport sia un luogo sicuro.

Il ruolo del laureato in Scienze motorie nella scuola primaria è proprio quello di aiutare i bambini a conoscere il proprio corpo e a raggiungere le competenze motorie adeguate all’età, accompagnando gli alunni alla consapevolezza delle proprie potenzialità e risorse attraverso attività ludico-motorie.
Allo stesso tempo è altrettanto fondamentale, per i bambini, avere la possibilità di essere guidati da qualcuno di più esperto. Questo permette loro di scoprire i loro limiti, di apprendere nuove abilità, di esplorare tutto ciò che il loro corpo può fare se ben guidato è allenato.

Con la speranza che queste non rimangano parole al vento.

<Leggi l’articolo sul perché inserire il Laureato di Scienze Motorie nella Scuola Primaria>

A cura di
Redazione

Commenta con Facebook

Tags

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato.