In queste settimane, a seguito dell’emergenza pandemica i periodi in casa aumentano, con un rischio di andare incontro alla sedentarietà maggiore. I rischi per la salute psico-fisica legati all’inattività riguardano tutti indistintamente, con un particolare riguardo soprattutto alle persone anziane.

L’idea di allenarsi a casa è diventata una scelta condivisa da un grande numero di persone che per ovvi motivi si è costretti a praticare un po’ di sano movimento tra le mura domestiche.

Ma prendere la decisione di allenarsi da soli senza essere seguiti è un beneficio o un rischio?
Sicuramente un po’ di movimento non fa male a nessuno. Limitare la sedentarietà e facilitare il mantenimento delle capacità cognitive, è possibile svolgendo anche le semplici attività domestiche come: passare l’aspirapolvere, lavare i pavimenti, occuparsi del giardino, riordinare i letti. I rimedi alla vita sedentaria sono quindi alla portata di tutti: lo svolgimento dei lavori domestici comporta un dispendio energetico da non sottovalutare, basti pensare che rifare il letto, comporta un dispendio di 150 calorie, lavare i piatti di 76 calorie.

Il rischio può manifestarsi quando si decide individualmente di crearsi dei programmi di allenamento: non avere una persona competente che ci guidi non solo nella programmazione, ma anche nell’esecuzione, può portare a svolgere gli esercizi in modo scorretto andando incontro cosí ad infortuni muscolari, traumi articoli, sollecitazioni eccessive con conseguenti stati dolorosi.  Ad aggiungersi a questo vi è il rischio di non riuscire a capire, se non si è del settore, quando è troppo o troppo poco.

Allenarsi tutti i giorni, quindi troppo, produce effetti negativi che impattano sia sul corpo che sulla mente, dovuti al cosiddetto overtraining.
Il sovrallenamento è infatti una condizione per effetto della quale, nonostante vi sia un allenamento costante e regolare, le prestazioni fisiche peggiorano gradualmente, anziché migliorare.
A discapito di quanto si possa pensare, il periodo di recupero post allenamento è quasi più importante dell’allenamento stesso: è in questa fase che il sistema muscolare reagisce allo stress indotto dal work out avviando la riparazione delle fibre muscolari danneggiate.
Si rivela utile quindi, farsi seguire per capire come allenarsi nel modo giusto, sia per qualità che per quantità.

A cura di
Dott.ssa Marta Doria e Dott. Gianmaria Celia

Commenta con Facebook