Il concetto di quella che è una buona e sana alimentazione, oggi è molto confuso. Molti preferiscono ricorrere a diete drastiche senza saperne i rischi per l’organismo e i loro “benefici” estetici a breve termine.
La corretta alimentazione è essenziale per mantenere lo stato di salute e per ridurre il rischio di malattia. Mantenere un peso nel range di normalità della massa grassa è fondamentale.
L’eccesso di peso, come ben sappiamo, è correlato con gran parte delle patologia del mondo occidentale e non solo, tra queste le malattie cardiovascolari, metaboliche, tumorali, respiratorie ecc…
Qualunque sia il tipo di alimentazione che si vuol seguire la regola principale è sempre la stessa. Per perdere peso è necessario ridurre l’introito di calorie rispetto a quante se ne consumano, ma per mantenere la perdita di peso è necessario anche, cambiare radicalmente lo stile di vita iniziando a praticare attività fisica ed una dieta equilibrata che duri più tempo possibile.

Per dieta si intende l’insieme dei nutrienti ingeriti dall’uomo per soddisfare i bisogni alimentari, finalizzata a raggiungere vantaggi salutistici includendo o limitando particolari alimenti o gruppi di nutrienti.
Sappiamo che i nutrienti si dividono in:

  • Macronutrienti: carboidrati, lipidi o grassi, proteine o protidi. La loro principale funzione è quella di fornire energia (principalmente i carboidrati e i lipidi), ma hanno anche funzione plastica (principalmente le proteine);
  • Micronutrienti: vitamine, Sali minerali e acqua. La loro principale funzione è quella di consentire l’utilizzo dei macronutrienti attraverso delle reazioni enzimatiche.

Che funzione svolgono e qual è il fabbisogno necessario per l’organismo dei singoli nutrienti?

  1. I carboidrati: si dividono in semplici e complessi. Sono le molecole organiche più abbondanti in natura, sono precursori metabolici di quasi tutte le biomolecole e dal loro catabolismo si ottiene l’energia che sostiene la vita animale. Sono una principale fonte di energia a rapido utilizzo; sono tra i costituenti degli ac. nucleici, coenzimi, glicoproteine; permettono un risparmio delle proteine per scopi energetici; hanno effetto antidepressivo e tranquillante inducendo la sintesi di serotonina. Il loro fabbisogno è del 55/65% delle Kcal totali. Potere calorico: 4Kcak/1g;
  2. I lipidi: detti anche grassi, sono molecole organiche largamente diffuse in natura. Sono insolubili in acqua, ma sono solubili in solventi. Gli acidi grassi, principale lipide, si dividono in saturi (burro), monoinsaturi (olio di oliva) e polinsaturi (olio di semi). Hanno funzione energetica e di deposito (formazione trigliceridi). Il loro fabbisogno è del 25/30% delle Kcal totali;
  3. Le proteine: posso essere di origine vegetale (legumi) o animale (carne, pesce, latte, uova). Sono costituite da singole unità di amminoacidi (AA). L’organismo richiede 20 AA per sintetizzare tutte le proteine, 8 di questi AA sono definiti essenziali (l’organismo non è in grado di produrli). Hanno una funzione plastica e di sostegno, costruiscono muscoli, organi, enzimi ed ormoni, secondariamente sono anche fonte di energia e formano gli anticorpi, quindi ci proteggono da infezioni. Il loro fabbisogno è del 0,8-1g p.c./die, cioè circa il 10/20% delle Kcal totali. Potere calorico: 1g di proteina = 4 Kcal;
  4. Vitamine e Sali minerali: non sono fonte di energia, ma sono necessari per il funzionamento del nostro organismo.

L’invito è quello fornire al nostro organismo il giusto equilibrio di macro e micro nutrienti, senza ricorrere a diete drastiche e miracolose o a digiuni prolungati.

Ricordati che, per possedere la giusta quantità che porta all’armonia e al successo esiste solo una parola: Equilibrio.

A cura di
Dott.ssa Teresa Marazita

Commenta con Facebook