La sindrome di Down (SD) è uno dei disturbi alla nascita più diffusi negli Stati Uniti derivante da una copia extra parziale o completa del cromosoma 21. Individui con SD presentano una varietà di difficoltà cognitive e fisiche, compresa:

  • Disabilità intellettiva;
  • Di apprendimento e problemi di memoria;
  • Difetti del cuore;
  • Problemi respiratori;
  • Problemi di vista e udito tra gli altri.

La presenza di queste difficoltà potrebbe diminuire il coinvolgimento nell’attività fisica e portare a uno stile di vita sedentario. Per affrontare le conseguenze negative dell’inattività fisica sulla salute, l’American College of Sports Medicine raccomanda a tutti gli adulti praticare esercizi da moderati a intensi. Sebbene la maggior parte dei programmi di esercizio nelle popolazioni sane, usino un’attività fisica continua da moderata a vigorosa, c’è stato aumento dell’interesse verso l’integrazione dell’allenamento ad intervalli ad alta intensità (HIIT) nei programmi stessi.

Per le persone con SD, che soddisfano il tempo consigliato di 30 minuti, 5 giorni alla settimana potrebbero essere impegnativi, in particolare a causa delle esigenze di trasporto e dipendenza da operatori d’aiuto ausiliario e/o familiari. Inoltre, le questioni relative alla capacità di attenzione e piacere personale dell’esercizio tra coloro affetti da SD potrebbero prestare stessi all’uso di un’altra modalità di allenamento diversa da quella tradizionale da moderata a vigorosa.

L’attività fisica ridotta è un fattore di rischio prevenibile nelle persone con SD e l’allenamento HITT potrebbe essere una possibile soluzione per ridurre la morbilità e la mortalità.

Considerando l’elevata prevalenza di sovrappeso e obesità tra gli individui con SD, la gestione della composizione corporea è fondamentale per il mantenimento della salute. Poiché il dispendio energetico (EE) è tipicamente un obiettivo nella gestione del peso, l’HIIT potrebbe fornire un modo efficiente in termini di tempo per raggiungere un maggiore EE nelle persone con SD, rispetto all’esercizio moderato continuo (MICT).

Inoltre, nelle persone con SD sono tipicamente presenti bassi livelli di capacità aerobica, che aumentano la probabilità di sviluppare alcune malattie croniche che influiranno sulla qualità a lungo termine della vita dell’individuo. Anche se l’inattività fisica e il decondizionamento stanno contribuendo ad abbassare i livelli di fitness aerobico, ci sono altri fattori specifici della SD che potrebbero influenzare la capacità aerobica di un individuo.

Ad esempio, l’incompetenza cronotropa (IC), vale a dire l’incapacità di raggiungere la frequenza cardiaca attesa (e pertanto d’incrementare adeguatamente la gittata cardiaca) in risposta ad una data intensità di esercizio è comunemente una risposta ridotta della FC all’esercizio causata da disfunzione autonomica, come nelle persone con SD. Con frequenze cardiache (FC) massime inferiori di circa 25-30 battiti in adulti senza SD, le persone con SD possono avere una capacità lavorativa ridotta. Inoltre, le malattie cardiache congenite sono collegate alla SD, con una maggiore incidenza tra le bambine, rispetto ai bambini.

Sebbene queste condizioni siano comuni nelle persone con SD, potrebbe essere ipotizzato che anche la riduzione della risposta della FC all’esercizio potrebbe essere correlata ad uno sforzo ridotto.

Infine, gli individui con SD hanno evidenti disfunzioni mitocondriali, che possono contribuire in alcuni degli aspetti riconoscibili del fenotipo SD (basso livelli di attività, scarso tono muscolare, ecc.).

Esistono prove a sostegno della pratica dell’HIIT allo scopo di aumentare la capacità aerobica delle persone con SD. Boer e Moss hanno riscontrato miglioramenti significativi nel massimo consumo di ossigeno (VO2max) dopo un protocollo di allenamento a intervalli “all out” di 12 settimane, mentre Mendonca e Pereira hanno riportato un miglioramento della capacità aerobica massima di oltre il 25% e anche miglioramenti nella fase di recupero della FC dopo un test del tapis roulant massimale dopo l’osservazione dell’allenamento HIIT.

Questi miglioramenti indicano il ruolo potenziale dell’HIIT per migliorare la funzione del sistema nervoso autonomo cardiaco e l’attivazione vagale. Inoltre, HIIT ha anche dimostrato aumenti maggiori nei biomarcatori del contenuto mitocondriale, rispetto a MICT negli adulti sani. Sebbene gli autori non siano stati in grado di trovare prove di ciò nelle persone con SD, spinge a riflettere sui potenziali effetti della pratica dell’HIIT per le persone con SD.

Anche i fattori legati alla resistenza possono migliorare nelle persone con SD. Più specificamente è stato osservato un aumento del tempo all’esaurimento durante un test del VO2max nelle persone con SD dopo l’allenamento HII. È possibile che l’aumento della capacità aerobica sia il risultato dell’esercizio ad alta intensità utilizzato nell’interval training e combinato con il periodo più lungo dell’intervento allenante porti a cambiamenti nell’utilizzo del substrato energetico. Questa scoperta si lega agli effetti dell’HIIT sul grasso corporeo, come lo è l’utilizzo dei grassi, invece dei carboidrati, indicato da un RER inferiore, che potrebbe essere parte del meccanismo alla base della perdita di grasso corporeo, dimostrato da persone con SD dopo l’allenamento HIIT.

Gli individui con SD hanno percorsi neurali unici come risultato del loro fenotipo e in relazione a questo presentano una diminuzione della capacità di attenzione e della funzione esecutiva, man mano che invecchiano.

La funzione esecutiva è un termine ampio che avvolge la regolamentazione di aspetti del comportamento, tra cui attenzione, inibizione e velocità di elaborazione. Evidenze suggeriscono che l’allenamento ad alta intensità migliora alcuni aspetti della funzione esecutiva negli adulti sani.

È stato dimostrato che il controllo inibitorio migliora dopo fasi continue acute di esercizio ad alta intensità. Sebbene questo sia importante da notare, quest’area di ricerca ha risultati contrastanti. Negli individui con SD, periodi acuti di esercizio ad alta intensità hanno dimostrato di ridurre il tempo di reazione acuta, un’altra area della funzione esecutiva. Pertanto, si potrebbe ipotizzare che questo sia il risultato della fatica specifica del compito, in cui l’esercizio ad alta intensità ha causato affaticamento, che ha reso più difficile il compito del tempo di reazione.

Tuttavia, poiché il protocollo specifico testato non era basato su intervalli (20 minuti di esercizio ad alta intensità), questi risultati possono solo dimostrare un effetto correlato di HIIT, non un effetto esatto. Vale la pena notare che gli effetti dell’esercizio acuto di moderata intensità sulle funzioni esecutive sono positive. Quindi, in base all’impegno di tempo, si potrebbe concludere che l’esercizio ad alta intensità può essere un’opzione più favorevole per ottenere la maggior parte dei benefici, sia cognitivi, che cardiovascolari, dell’esercizio.

Il piacere dell’attività fisica è un fattore importante nella partecipazione e nella scelta dell’attività fisica. Il divertimento può essere suddiviso qualitativamente in aree d’interazione, realizzazione e processo, come definito in uno studio qualitativo di individui con SD. In particolare, il processo può essere rappresentato come “piacere nello svolgere una particolare attività”.

Attualmente, gli obiettivi di esercizio aerobico per gli individui con SD sono simili a quelli per gli individui senza una diagnosi di SD. Basato sulle raccomandazioni più attuali dell’American College of Sports Medicine, gli adulti dovrebbero cercare di completare da 20 a 30 minuti di esercizio aerobico moderato (dal 40% al 59% della riserva frequenza cardiaca [HRR] o riserva VO2 [VO2R]) o vigoroso (dal 60% all’89% HRR o VO2R) da 3 a 5 giorni alla settimana per ottenere miglioramenti aerobici.

La programmazione degli esercizi per le persone con SD è leggermente modificata, con da 3 a 7 giorni alla settimana di esercizio per il massimo EE e 3 o 4 giorni di esercizio ad intensità da moderata a vigorosa. Nonostante i motivi della leggera variazione nella prescrizione dell’esercizio fisico non siano chiare, ci sono prove che suggeriscono che lo standard della raccomandazione sia adeguata. Tuttavia, sono attualmente disponibili dati limitati per le variazioni nella prescrizione degli esercizi per le persone con SD.

Ulteriori ricerche dovrebbero considerare queste variazioni (ad esempio, frequenza, intensità, tempo e modalità) nella prescrizione di esercizi per le persone con SD, non solo per far progredire quest’area di studio, ma anche per servire meglio la popolazione con SD. L’allenamento di forza ha dimostrato di essere utile per le persone con SD. Sebbene in genere eseguito separatamente, è stato anche utilizzato in combinazione con programmi di allenamento aerobico e dinamico-reattivo.

I programmi combinati hanno prodotto miglioramenti nei compiti funzionali, come l’equilibrio funzionale e la forza nelle persone con SD. Inoltre, diminuzioni nell’infiammazione sistemica sono state anche collegate all’allenamento di forza. Le capacità di svolgere attività funzionali delle persone con SD, come salire le scale, hanno dimostrato di beneficiare dell’allenamento di forza. Inoltre, la partecipazione a questo tipo di attività può avvantaggiare tali soggetti nell’interazione sociale e nel muoversi nell’ambiente. Sebbene la combinazione di allenamento abbia dimostrato di essere efficace, c’è spazio per ulteriori ricerche per espandere queste modalità nelle persone con SD. L’HIIT con l’allenamento aerobico e di forza potrebbe essere un modo nuovo ed eccitante per incorporare l’HIIT per le persone con SD.

I dati emergenti suggeriscono che HIIT potrebbe essere incorporato come parte di un programma di esercizi utile per ottenere risultati di salute critici in modo efficiente in termini di tempo in persone con SD. L’HIIT può essere una modalità di esercizio piacevole e benefica nelle persone con sindrome di Down.

L’efficienza in termini di tempo di HIIT lo rende un buon candidato per la prescrizione di esercizi in questa popolazione, per via della limitata capacità di attenzione. Aerobicamente HIIT ha dimostrato di fornire benefici per questo gruppo di popolazione aumentando la capacità e i fattori legati alla resistenza. HIIT ha anche ha dimostrato di fornire benefici cognitivi e antropometrici verso le persone con Sindrome di Down.

A cura di
Dott. Luca Venturi

Commenta con Facebook