Lo sport è l’insieme di attività motorie che impegna a livello agonistico, oppure di esercizio, le capacità psicofisiche dell’atleta, che svolge una disciplina con finalità amatoriali oppure di professione.

Lo sport è un elemento fondamentale per il sano sviluppo dei bambini, tanto da esser stato riconosciuto dalle Nazioni Unite come un diritto fondamentale.  
Secondo l’art. 31 della Convenzione sui diritti dell’infanzia: “Gli Stati parti riconoscono al fanciullo il diritto al riposo e al tempo libero, a dedicarsi al gioco e ad attività ricreative proprie della sua età e a partecipare liberamente alla vita culturale ed artistica […]”.

Sin dalla giovane età è importantissimo il movimento al fine di imparare gli schemi motori di base, consolidarli per poi nel futuro non avere scompensi motori e deficitari che possono anche rappresentare un blocco psicologico per la persona in questione.

I benefici dell’attività fisica

L’attività fisica regolare apporta innumerevoli benefici al corpo e alla mente:

  • Irrobustisce il fisico e ne previene le malattie;
  • Sviluppa e aiuta a mantenere sano l’apparato osseo;
  • Aiuta a controllare il peso;
  • Aiuta a ridurre il grasso e la pressione sanguigna;
  • Riduce lo stress, l’ansia, la depressione e la sensazione di solitudine;
  • Prepara i bambini all’apprendimento futuro;
  • Migliora il rendimento scolastico;
  • Aiuta a controllare vari rischi comportamentali, come l’uso di tabacco, droghe o di altre sostanze, le abitudini alimentari scorrette, il ricorso alla violenza.

Oltre ad avere un ruolo fondamentale nel trasformare i bambini in adulti responsabili e premurosi, lo sport riunisce i giovani, li aiuta ad affrontare le sfide quotidiane e a superare le differenze culturali, linguistiche, religiose, sociali, ideologiche. Ha un ruolo di socializzazione e integrazione, è un linguaggio universale in grado di colmare i divari e di promuovere i valori fondamentali indispensabili per una pace duratura. È un mezzo straordinario per allentare la tensione e favorire il dialogo.

Sul campo di gioco le differenze culturali e le priorità politiche scompaiono. I bambini che praticano sport capiscono che si può interagire senza coercizione o sfruttamento, avendo grande valore educativo.

La pratica sportiva provoca: gioia e felicità, date dal rilascio nell’organismo delle endorfine che ci rendono speciale la giornata.

A cura di
Dott. Lorenzo Cinti

Commenta con Facebook