Di recente nell’ambito della psicologia dello sport si è dimostrato che un miglioramento della prestazione in compiti motori complessi si ottiene anche grazie al cosiddetto esercizio mentale o “Imagery”.

Ma cos’è l’imagery?
Viene definito come una simulazione mentale del movimento senza che vi sia lavoro muscolare e articolare. Imagery vuol dire immaginazione ed è una tecnica di allenamento.
È un’esperienza simile ad un’esperienza sensoriale ma che si manifesta in assenza degli stimoli esterni. L’atleta immagina il gesto atletico che va a fare e una l’immaginazione per allenare psicologicamente il corpo e aumentare le prestazioni.
Questa simulazione necessita di diverse componenti come la motivazione, il carico attenzionale, le immagini mentali visive e cinestetiche, in modo da riprodurre l’azione che si vuole compiere.

Per migliorare la capacità immaginativa, l’esercizio individuale di visualizzazione deve riguardare quante più informazioni sensoriali possibili:

  • Acustiche;
  • Tattili;
  • Olfattive;
  • Visive;
  • Cinestesiche.

Inoltre, bisogna sviluppare la capacità di controllare il processo immaginativo in forma dinamica, ad esempio cambiando la prospettiva (prima o terza persona) con cui si immagina l’azione.

Oltre agli atleti, è bene che anche gli allenatori conoscano a fondo le tecniche di allenamento dell’imagery.
Inoltre, l’allenatore deve sapere cosa l’atleta deve visualizzare, su cosa è più opportuno che egli focalizzi l’attenzione e sugli aspetti emozionali e motivazionali che “riempiono” l’immaginario dell’atleta nelle fasi cruciali della performance sportiva.

Shane Murphy (USOTC) (centro addestramento olimpico degli Stati Uniti) scoprì che:

  • Il 90% degli atleti olimpici usano le immagini;
  • Il 97% ritengono che abbiano aiutato le prestazioni;
  • Il 94% degli allenatori di squadra olimpica usa le imagery durante la sessione di pratica;
  • Il 20% degli allenatori li usano in ogni sessione.

I fattori più importanti che determinano la misura in cui l’immaginario migliora le prestazioni, sono 2:

  • Natura del compito (i componenti cognitivi ricevono il massimo beneficio): più il compito ha delle componenti cognitive, più l’imagery funziona;
  • Livello di abilità dell’esecutore (i più abili sembrano trarre maggior beneficio dall’imagery).

Ma che miglioramenti porta la pratica dell’imagery?
L’imagery aiuta a:

  • Definire gli obiettivi;
  • Controllare le emozioni;
  • Sviluppare l’autoconsapevolezza;
  • Migliorare le concentrazioni;
  • Alleviare il dolore;
  • Praticare abilità sportive;
  • Praticare strategie.

Le linee guida dell’imagery sono:

  • Immaginare la performance e l’esito in maniera vivida come se fosse reale;
  • Immaginare con tutti i sensi;
  • Usare un focus interno (in prima persona);
  • Usare le immagini per rafforzare il progetto mentale.

Ma praticare l’imagery, può avere dei pericoli?
La risposta è sì, si può andare incontro a diverse problematiche, come: addormentarsi, avere delle aspettative non realistiche (deve essere un supporto all’allenamento), non essere abbastanza concentrati e forzare involontariamente la pratica.

Come praticarlo?
È importante trovarsi in un ambiente tranquillo, senza distrazioni ed essere rilassati chiudendo gli occhi prima e facendo un respiro profondo. Le posizioni possono essere sdraiate o sedute.
L’azione deve essere vista con una proiezione interna usando specialmente il senso della vista, cinestetico e il suono e allegando il proprio stato emozionale durante l’attività: dolore, rabbia, calma. Usare le parole può aiutare la tua immaginazione.

Quando?
L’imagery può essere svolto nella preparazione pre-gara per essere pronti, per aumentare l’intensità, per liberarsi dalle distrazioni, per darsi fiducia o durante il gioco (mentre sei in panchina) o post-gioco per ricordate le tue mosse, i tuoi pensieri e le tue sensazioni durante una buona o cattiva performance.

Le sessioni sono più produttive se sono brevi, circa 10-15 minuti al giorno.

A cura di
Dott. Gianmaria Celia e Dott.ssa Marta Doria

Commenta con Facebook